La società mediatica del rischio

E’ online la terza prima pagina di «Coca Cola Journalism», il blog del “Laboratorio di Giornalismo Internazionale” dell’Orientale di Napoli, tenuto da Marina Brancato:


Si tratta di un numero estivo incentrato sul tema del rischio, a cui ho collaborato con il seguente contributo:

La società mediatica del rischio

Il sostantivo “rischio” indica una situazione che ha un carattere cupo e carico di incertezza; come diceva Aristotele, esso è «l’avvicinarsi di ciò che è terribile». Al contrario, nella sua forma verbale – “rischiare” – questo concetto cambia segno e assume un significato più propositivo e possibilista, diventa sinonimo di “osare”. Per tutta la modernità, questa seconda sfumatura ha caratterizzato la società industriale, fortemente proiettata in avanti, sicura che il futuro sarebbe stato migliore del presente. A metà degli anni Ottanta del Novecento, invece, Ulrich Beck ha cominciato a parlare di “società del rischio”, sottolineando come le minacce ecologiche e la turbolenza della finanza fossero diventate «l’orizzonte fondamentale del pianeta». In effetti, quelli sono gli anni immediatamente successivi alla crisi energetica, quelli della guerra fredda e di un possibile scontro bellico “definitivo”, sono gli anni in cui il drammatico incidente nucleare di Chernobyl ha posto profondi interrogativi sulla sicurezza di quel tipo di industria e sulla gestione delle scorie radioattive, ma sono anche il periodo in cui hanno fatto la loro comparsa “nuove” malattie come l’aids e si sono avuti i primi segnali di difficoltà del welfare state. Questi, naturalmente, sono solo alcuni degli elementi che da quel decennio hanno segnato nuove condizioni del vivere collettivo e hanno permesso inedite interpretazioni della realtà sociale.

CONTINUA sul blog del “Laboratorio di Giornalismo Internazionale”
(e al primo commento qui sotto)

– – –

AGGIORNAMENTO:
Il 28 agosto 2013 il Dipartimento di Protezione Civile e l’INGV hanno diffuso una nota alle redazioni giornalistiche (QUI) in cui, tra l’altro, viene specificato che «[…] È fondamentale quindi che l’intero sistema di protezione civile – di cui anche gli organi di informazione fanno parte – affronti con equilibrio i temi legati al rischio sismico, senza cadere negli eccessi di rassicurazione, da una parte, o allarmismo, dall’altra. […] Per queste ragioni, come Dipartimento della Protezione Civile e INGV chiediamo la collaborazione di tutte le redazioni affinché, quando si parla di terremoto, sia fornito un messaggio corretto e chiaro al pubblico, prestando la dovuta attenzione anche al significato dei termini utilizzati […]».