Simulazioni d’emergenza intorno al Fuji

Il “piano di emergenza” dall’area del monte Fuji, il vulcano simbolo del Giappone, prevede l’evacuazione di 1.200.000 persone (750mila dai 14 comuni della “zona rossa” e 470mila dalla zona dove sono previste cadute di cenere) [qui e qui].
Il Fuji non erutta dall’inverno del 1707-1708 [qui], ma pochi giorni fa – anche in seguito allo shock dovuto alle decine di morti per l’eruzione del vulcano Ontake [qui] – c’è stata una esercitazione che ha coinvolto circa 2500 abitanti di 26 diverse municipalità [qui].
Sono state sperimentate varie possibilità di fuga: veicoli privati su strade specifiche (soprattutto nelle zone poco servite dal trasporto pubblico), “evacuazione prioritaria” per le persone con problemi di mobilità, apposizione di grossi blocchi di cemento per simulare le barriere che potrebbero deviare o contenere le colate di lava [qui e qui].

fuji_esercitazione-evacuazione_2014ott20

Mi sembra che le similitudini col caso del Vesuvio siano più di una (il numero di persone interessate dal piano di emergenza e lo scenario eruttivo preso in considerazione, innanzitutto), ma con una differenza bella grossa: in Giappone le esercitazioni le fanno.

– – –

AGGIORNAMENTO:
In serata un utente di FB ha lasciato un commento che solleva un dubbio comprensibile:

Non per fare quello che ha sempre qualcosa da dire su tutto, ma 2500 abitanti su un totale di 1milione e settecentomila sono meno del 5%. Davvero non mi è chiara la valenza di un’esercitazione che coinvolga un numero così esiguo di persone. Rispettando tale proporzione basterebbe coinvolgere 1500 persone intorno al Vesuvio, pari a 25 autobus GT e siamo con la coscienza a posto?

Ho risposto così:

Le esercitazioni sono sempre su un campione della popolazione: servono a testare le forze, le strategie, le risorse. La loro ripetizione, anno dopo anno, permette a un numero sempre maggiore di abitanti di conoscere le procedure di emergenza. Il problema è quando le esercitazioni vengono effettuate una tantum o addirittura una volta sola.
Ad esempio, nell’ottobre 2006 la Regione Campania e la Protezione Civile effettuarono MESIMEX (Major Emergency Simulation Exercise), un’esercitazione che coinvolse circa 2000 abitanti della zona rossa vesuviana. Si trattò di un’esperienza importante, per quanto possa sembrare numericamente limitata. La questione preoccupante è che non venne ripetuta (e corretta), per cui ci troviamo a realizzare solo esercitazioni molto più piccole ed episodiche, generalmente di livello comunale (Somma Vesuviana nel 1999, Portici nel 2001, Pollena Trocchia nel 2004 e nel 2011).