Napoli e il rischio vulcanico: tra Vesuvio e Campi Flegrei

Come ho avuto modo di scrivere in altre occasioni, il Vesuvio non pone solo delle questioni sulla sicurezza e sulla prevenzione, ma fornisce spunti di riflessione sul modello urbanistico, economico e democratico seguito nel corso del Novecento. L’altro ieri [12 ottobre 2016] è stato presentato il (corposo) “Piano di Evacuazione del Vesuvio”, di cui poco fa ha scritto anche “The Independent“, a sottolinerare l’eco che il caso-Vesuvio ha in larga parte del pianeta. Però, al di là dell’organizzazione della fuga in caso di allarme (che è e resta un compito cruciale), non si può prescindere da una riflessione più ampia sullo stato del territorio. Oggi l’occasione è fornita da un’immagine inedita, sebbene sotto gli occhi di tutti: unendo le perimetrazioni del rischio vulcanico flegreo e vesuviano, infatti, emerge una mappa che pone la città di Napoli e la sua provincia sotto un’ottica completamente nuova.
Ne ha scritto la pagina Fb Rischio Vesuvio: informiamoci e attiviamoci:

L’altro ieri, il 12 ottobre 2016, la Regione Campania e il Dipartimento della Protezione Civile hanno presentato alla stampa il “Piano di Evacuazione del Vesuvio” [ne abbiamo scritto qui, qui e qui].
Poche settimane fa le stesse istituzioni hanno aggiornato il “Piano di Emergenza dei Campi Flegrei“, che stabilisce una “zona rossa” includente tutta l’area occidentale di Napoli e una “zona gialla” che arriva a lambire i quartieri più orientali del capoluogo, ovvero quelli interessati dal rischio vesuviano.
Come si può osservare dall’immagine qui in basso, abbiamo affiancato le perimetrazioni del rischio vulcanico di entrambi i complessi, Vesuvio e Campi Flegrei, così da far emergere due dati fondamentali:
1) il comune di Napoli è interamente interessato dal rischio vulcanico;
2) pressoché tutta la provincia è soggetta a tale minaccia.

vesuvio_campi-flegrei_zona-rossa-gialla_rischio_vulcano_napoli_2016

L’immagine è stata realizzata da Gaetano Magro (che ringraziamo).

Teniamo a sottolineare che le zone “rossa” e “gialla” si differenziano principalmente per due parametri: un fattore tempo (la “zona rossa” è quella più direttamente e immediatamente soggetta all’eruzione) e un fattore pericolosità (terremoti, flussi piroclastici e lave si abbattono con più violenza nelle immediate vicinanze del cratere). Entrambe le perimetrazioni, però, sono importanti e, anzi, nella “zona gialla” è molto alto il rischio crolli per l’accumulo di ceneri sui tetti delle abitazioni (a titolo esemplificativo: nel 1944 i 26 morti dell’ultima eruzione vesuviana furono tutti fuori dall’attuale “zona rossa”).
Come ha osservato l’urbanista Aldo Loris Rossi, la provincia di Napoli ha un’estensione quanto l’area all’interno del Grande Raccordo Anulare di Roma, con la particolarità che vi sono presenti ben due vulcani attivi. Si tratta di un caso unico al mondo e, a nostro avviso, richiede risposte coraggiose e inedite, che vadano oltre l’organizzazione della fuga, per quanto importante: c’è da ripensare, cioè, il rapporto città-campagna, l’urbanizzazione (tra legale e illegale), le infrastrutture e la loro manutenzione, nonché la partecipazione, la sussidiarietà e la governance.
Su Napoli, poi, c’è da sfatare un’illusione, ovvero che non sia mai stata colpita da eruzioni. In realtà, strati di lava sono stati riscontrati in più punti del centro cittadino e, come ha mostrato Mario Tozzi in tv un anno fa, il rapporto tra Napoli e il Vesuvio ha una storia lunga almeno 2000 anni. In ogni caso, gli Lloyd’s di Londra hanno anche calcolato quanto costerebbe a Napoli un’eruzione vulcanica: 1,08 miliardi di euro, ovvero il 15,48% della ricchezza cittadina. Come è noto, prevenire i rischi avrebbe un impatto economico molto minore.
Stretta tra due vulcani, dunque, Napoli deve ripensarsi urgentemente alla luce di queste nuove mappe del rischio: la città è cresciuta in maniera disordinata durante il Novecento e, come ha scritto un mese fa Roberto Saviano, «nel capoluogo campano il 44% degli edifici è a rischio sisma». Le istituzioni cittadine (e metropolitane, ex provinciali) hanno ormai il dovere (burocratico, ma soprattutto etico) di prendere delle misure, di studiare delle soluzioni. Napoli, come ha rivelato Angelo Agrippa due giorni fa, non ha ancora un “Piano di Emergenza Comunale” (né per il rischio idrogeologico, né per quello sismico ed eruttivo, né per quasiasi altra minaccia). Il vicesindaco Raffaele Del Giudice ha replicato che il Piano sarà pronto «tra dieci giorni», ma il punto non è solo di rispettare una scadenza, bensì di costruire un sistema di protezione molto più articolato e lungimirante. Innanzitutto sarà necessario – ad opera della Regione o del Dipartimento di Protezione Civile – armonizzare e razionalizzare i singoli Piani di Emergenza Comunali, ma soprattutto sarà fondamentale avviare una gestione del territorio più ecocompatibile ed equa, nonché instaurare un continuo e costante dialogo con la popolazione: informarla, aggiornarla, ascoltarla, includerla.
La questione riguarda ogni livello istituzionale e al momento, al di là delle carte, cosa di tutto ciò sia in lavorazione o in programma non è dato sapere.

La sparizione di un villaggio a Capo Verde

Dalla fine di novembre 2014 il vulcano Fogo, nell’arcipelago di Capo Verde, ha ripreso l’attività eruttiva (ne ho scritto qui e qui). Il complesso vulcanico ricorda quello del Vesuvio: il cratere sorge all’interno di una caldera, parzialmente circondata dall’ampio arco montuoso dell’antico edificio vulcanico:

All’interno della caldera sorgono alcuni villaggi, come Portela e Bangaeira (map), i cui abitanti (intorno al migliaio), dopo alcuni rifiuti iniziali, hanno dovuto evacuare (e, per fortuna, non si contano vittime).
Il 27 novembre la colata lavica ha cominciato a inghiottire la sede del Parco Naturale del Fogo e una quindicina di case di Portela (fonte):

58984-volcan_fogo_27-novembre-2014

La colata lavica del vulcano Fogo raggiunge il villaggio di Portela (27 novembre 2014)

Nel fine settimana del 6-7 dicembre, il villaggio di Portela è sparito completamente sotto il manto della lava, di quella che è ritenuta l’eruzione più imponente del Fogo dal 1995 (altra fonte).
Le immagini che seguono sono tratte dai profili pubblici degli account fb di Observatorio Vulcanologico de Cabo Verde, Instituto Volcanologico de Canarias, Geovol Grupo de Investigacion, FogoNews:

– – –

AGGIORNAMENTI:
Il blog “Culture Volcan” riferisce che anche il villaggio di Bangaeira è sparito sotto la colata lavica del Fogo: “en l’espace de 15 jours seulement, c’est plus d’un siècle et demie d’histoire qui a littéralement été effacé sur l’île de Fogo, les constructions les plus anciennes dans la Caldera remontant aux années 1860“.

E’ stata aperta una pagina fb intitolata “Vulcão do Fogo 23-11-14“, in cui sono presenti immagini molto drammatiche. Le divido in due gallerie fotografiche.
La prima è dedicata all’evacuazione della popolazione:

La seconda raccolta di immagini è dei cartelli d’aiuto pubblicati online:

– – –

AGGIORNAMENTO del 10 dicembre 2014:
Il telegiornale serale della Radiotelevisione Capoverdiana ieri ha mandato in onda un servizio dalle cittadine costiere di Fonsaco e di Mosteiros Tras (map), sull’isola di Fogo, dove la popolazione sta evacuando volontariamente, preoccupata dall’avanzare della colata lavica che ha già distrutto i villaggi di Portela e Bangaeira. Questo è il filmato e, di seguito, alcuni screenshot dello stesso:

Clicca sull'immagine per accedere al filmato.

Clicca sull’immagine per accedere al filmato.

Una galleria di screenshot del servizio di RTC:

Ulteriore galleria fotografica è questa pubblicata dalla Marina Militare portoghese, un cui battaglione ha portato aiuti e sostegno alla popolazione dell’isola di Fogo, in particolare agli abitanti della località Monte Grande:

– – –

AGGIORNAMENTO del 15 dicembre 2014:
Su varie pagine di socialnetwork ho trovato ulteriori testimonianze fotografiche dei drammatici effetti dell’eruzione del Fogo, le raccolgo in un’unica galleria di immagini che mette insieme fotografie della coltura della vite (precedente alla colata lavica) e della messa in salvo delle botti di vino, immagini della disperazione dei contadini e degli aiuti umanitari provenienti da vari Paesi come l’Angola e il Portogallo, nuovi cartelli di sostegno (anche spirituale) alla popolazione disastrata e alcuni scatti dall’interno del villaggio invaso dalla lava in via di raffreddamento.
Le fonti di queste immagini sono Montrond Theo, Jorge Nogueira Nogueira, Waldemar Pires (qui, qui e qui), Marcos Rocha de Pina, il gruppo fb Fogo na coracao.

– – –

AGGIORNAMENTO del 17 dicembre 2014:
Pauline Texier-Teixeira è una maitre de conférences in geografia dell’università di Lyon 3 “Jean Mulin” e tra i suoi temi di ricerca c’è la riduzione del rischio in varie località del pianeta, compresa l’isola di Fogo a Capo Verde. Oggi ha lasciato questo commento molto interessante sul blog “Culture Volcan”:

Bonjour à tous,
Merci pour ce site très bien fait et pour toutes ces infos. Je viens d’écrire un long message qui s’est effacé, alors je le refait en plus bref : je suis Pauline Texier Fernandes Teixeira, et je travaille depuis 2010 à Fogo en tant qu’enseignant chercheur en géographie, et je suis co-auteur de l’article paru en 2013 sur Fogo et le risque volcanique.
Je souhaite réagir par rapport à toutes ces remarques pertinentes : la terre dans la caldeira présente à la fois une valeur inestimable pour ceux qui la cultivent depuis 1917 et l’ont valorisée à la sueur de leur front, car elles sont fertiles et apportent de nombreuses ressources uniques à Fogo, à la fois sont sans “valeur foncière”, puisqu’il s’agit de terres d’Etat, liées au Parc Naturel, et les habitants n’ont pas de titres de propriété, seulement un droit d’usage, dans la limite des autorisation du zonage du Parc. Deux événements ont marqué 2014 : l’émergence d’un plan d’urbanisation, interdisant entre autre plus de construction à Bangaiera et chamboulant la définition des lots de terre, et l’éruption, qui remet aujourd’hui tout en question. Aujourd’hui, il existe de très fortes tensions quant à l’avenir des habitants réfugiés de Cha : le gouvernement souhaite a priori les reloger dans les maisons de 1995 (dernière éruption), aujorud’hui délabrées, et ainsi éliminer en quelques sortes le risque, en déplaçant les gens exposés directement (ce qui n’est paradoxalement pas sans conséquence sur la vulnérabilité économique des déplacés!). A l’opposé, les habitants qui s’organisent depuis quelques jours en collectif autour de l’association des Guides de Cha, souhaitent retourner habiter dans la caldera, et continuer à vivre avec le risque. En effet, ils sont conscients des risques, mais il reste des terres cultivées pour le moment épargnées par le volcan : la terre, c’est la vie la bas. Sans terre, on ne survit pas. C’est ce qui explique qu’ils soient retournés vivre dans la caldera après l’éruption de 95. Alors que vaut il mieux ? Vivre avec le risque volcanique ? Ou survivre à la précarité quotidienne, qui représente à leurs yeux un risque beaucoup plus important ? A eux d’en décider!
Bonne journée,
ps : si vous etes sur Lyon, j’organise ce soir 17 décembre, à 18h30 une conférence sur Fogo au bar Le Pré Soir, 9, rue du jardin des plantes, métro Hôtel de Ville.
Avec des amis et collègues, nous avons constitué un collectif pour leur venir en aide et soutenir leur action de reconstruction post-catastrophe : un pot commun a été ouvert en suivant ce lien [evento fb: QUI],
A bientôt!
Pauline

– – –

AGGIORNAMENTO del 22 dicembre 2014:
L’eruzione continua e, sebbene non sia violenta, sta procurando enormi danni: FogoNews (via-CultureVolcan) riferisce che la colata lavica inghiotte giorno dopo giorno sempre più abitazioni e terre agricole: in particolare, “la cave “Sodade” d’où avaient été évacués les quelques 40.000 litres de vins a été totalement détruite hier: il sera donc encore un peu plus difficile de remettre cette activité économique en route, entre la diminution de la surface de terres fertiles et la disparition des infrastructures permettant leur transformation et leur stockage“.

– – –

AGGIORNAMENTO del 15 aprile 2015:
Dopo poco più di quattro mesi dall’eruzione, sulla colata lavica che ha devastato due villaggi nella grande caldera del Fogo è stata ricavata una strada in terra battuta, come mostrano le fotografie postate su fb da Dom Danillon, un abitante della zona:

– – –

AGGIORNAMENTO del 26 settembre 2015:
L’altro ieri è uscita un’agenzia che annuncia per il 1° ottobre l’apertura di un hotel costruito su quella lava: si chiamerà “Casa Mariza 2.0”, avrà 14 stanze, un ristorante e, come si augura l’imprenditore Mustafá Eren, dovrebbe riattivare i flussi turistici nella zona.
Considerando anche altre strutture private ricostruite dopo l’ultima eruzione, in questo modo l’area di Cha das Caldeiras raggiunge la cifra di 34 stanze disponibili per eventuali visitatori.

– – –

AGGIORNAMENTO del 4 ottobre 2015 (non c’entra con l’ultima eruzione del Fogo, bensì con la sua storia arcaica):
La corrispondente di “Haaretz” Ruth Schuster ha riferito di uno studio sul crollo dell’edificio vulcanico del Fogo, a Capo Verde, avutosi 73mila anni fa e che provocò un mega-tsunami (con onde di almeno 250 metri). Questo fenomeno (crollo di un vulcano costiero e conseguente mega-tsunami) è raro, secondo uno studioso avviene ogni 10mila anni, tuttavia è così repentino da non poter essere previsto, né arginato. Un caso si è avuto sicuramente anche nel Mediterraneo, quando 8mila anni fa l’Etna perse 6 miglia quadrate di rocce formando un’onda di maremoto di 50 metri.
Ulteriori notizie sono QUI.

Convivere col vulcano. Un’intervista sulla “vesuvianità” oggi

Cos’è rimasto dello “Sterminator Vesevo” nell’immaginario collettivo? A 70 anni dall’ultima eruzione del Vesuvio, ne ho parlato in quest’intervista di Ciro Teodonno:

“Il mediano”, 31 marzo 2014, QUI

L’ANTROPOLOGO VESUVIANO
Un’interessante intervista a chi scientificamente s’è occupato della logica rischio. Una lunga conversazione sull’essenza dei vesuviani e del loro mondo.
di Ciro Teodonno

Circa tre anni fa, per le strade della cittadina di San Sebastiano al Vesuvio, si aggirava una figura armata di macchina fotografica e registratore.
Per mesi, incuriosendo i più e turbando qualche malpensante dalla coscienza sporca, ha studiato la realtà locale e le sue peculiarità vulcaniche, ma dal punto di vista antropologico, regalandoci una visione razionale di quello che siamo al di fuori di ogni tipo di luogo comune. Quell’antropologo è Giogg, sorrentino di nascita, cosmopolita per vocazione ma vesuviano d’adozione; con la sua tesi di dottorato, sul concetto del rischio vulcanico ci ha scrutati come nessuno ha forse mai fatto e a lui, oggi, per il settantesimo dell’ultima eruzione, chiediamo lumi su di noi e il nostro Vulcano
. […]

CONTINUA QUI (oppure QUI)