Sisma emiliano del 2012: non sono escluse responsabilità umane

Secondo il rapporto della commissione Ichese (International commission on hydrocarbon exploration and seismicity in the Emilia region) anticipato da Science e poi reso pubblico il 15 aprile 2014, non si può escludere che il sisma del 20 maggio 2012 in Emila-Romagna sia stato scatenato dall’estrazione di petrolio dal pozzo di Cavone, a circa 20 chilometri dall’epicentro del terremoto.
È improbabile che l’estrazione di petrolio e l’immissione di fluidi da soli abbiano potuto generare la pressione necessaria a provocare un forte terremoto, ma potrebbero aver contribuito a innescarlo.
La commissione Ichese è stata istituita l’11 dicembre 2012 dalla Protezione Civile su richiesta del presidente della regione Emilia-Romagna Vasco Errani per indagare le relazioni tra l’attività estrattiva e il terremoto del maggio 2012, quando morirono 17 persone, trecento furono i feriti e 15mila gli sfollati.
(“Internazionale”, 16 aprile 2014, QUI)

– – –

Di seguito, i principali articoli che trattano dei risultati della commissione Ichese:

– – –

Ho accennato al fracking nei seguenti post: La colpa dei disastri (25 maggio 2013), I Maya e i diamanti d’Este (17 novembre 2013)

– – –

AGGIORNAMENTO del 30 maggio 2014:
In occasione del secondo anniversario del sisma in Emilia, il blog “INGV Terremoti” ha pubblicato 10 risposte su quell’evento fornite dai ricercatori che lo stanno studiando: Luigi Improta (INGV-Roma1), Enrico Serpelloni (INGV-BO), Romano Camassi (INGV-BO), Carlo Meletti (INGV-Pi), Claudio Chiarabba (Direttore Struttura Terremoti INGV).
In particolare, l’ultimo quesito chiede: “Che ruolo hanno giocato nell’accadimento dei terremoti del 2012 le attività estrattive e di re-iniezione di fluidi nelle aree intorno alla zona epicentrale? Cosa dice al riguardo il rapporto della Commissione ICHESE?“.
La risposta è: “In seguito ai terremoti del maggio 2012 e alle molte voci incontrollate sulle relazioni tra sismicità e ricerca per idrocarburi o utilizzo di depositi di gas, la Regione Emilia Romagna e il Dipartimento della Protezione Civile decidono di istituire una commissione internazionale di esperti, denominata ICHESE (International Commission on Hydrocarbon Exploration and Seismicity in the Emilia Region). La Commissione deve rispondere a due quesiti:
1 – È possibile che la crisi sismica emiliana sia stata innescata dalle ricerche sul sito di Rivara effettuate in tempi recenti, in particolare nel caso siano state effettuate delle indagini conoscitive invasive, quali perforazioni profonde, immissioni di fluidi, ecc.?
2 – È possibile che la crisi sismica emiliana sia stata innescata da attività di sfruttamento o di utilizzo di reservoir, in tempi recenti e nelle immediate vicinanze della sequenza sismica del 2012?
La risposta della Commissione al primo quesito è NO, in quanto non risulta sia stata effettuata alcuna attività di esplorazione mineraria negli ultimi 30 anni a Rivara.
Per quanto riguarda il secondo quesito, la Commissione ha condotto una serie di studi molto articolati riassunti in oltre 200 pagine di testo, che è difficile qui riassumere. Il testo è comunque pubblico e consultabile a questo indirizzo: http://ambiente.regione.emilia-romagna.it/geologia/commissione-ichese
“.
Il link è tra i commenti.