Apocalypse Pompeii, apocalisse del cinema

Come al Lidl esistono i frollini di sottomarca per colazioni ispirate al Mulino Bianco, così ci sono case di produzione cinematografica specializzate in mockbuster, ovvero in film a basso budget che – nonostante soggetti improbabili, trame irrisorie, recitazioni scadenti ed effetti visivi risibili – si rifanno ad opere più celebri e hanno, dunque, un loro pubblico.
Io, a volte, faccio parte di questi spettatori, essendomi dato il folle compito di vedere tutti i film catastrofici di sismi ed eruzioni (specie se riguardano il Vesuvio). Ebbene, l’altra sera un amico ha segnalato su Fb “Apocalypse Pompeii“, una pellicola statunitense del 2014 diretta da Ben Demaree (altre info: qui, qui e qui) per lo studio cinematografico The Asylum. L’ho trovata in streaming e, tra flussi piroclastici e colate laviche create con Paint (il commento più frequente sul web è: “This movie is made as a joke, right?“), sono riuscito ad arrivare fino alla fine, quando la figlia geniale dell’eroe militar-muscolare dice: “Sai, papà, non ho più voglia di vivere in Italia“.

Il trailer italiano è qui:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...