I nuovi gemellaggi dei comuni vesuviani

Solo pochi giorni fa avevo scritto del mancato aggiornamento dei gemellaggi tra i comuni vesuviani e le regioni d’Italia, in seguito al rinnovo della perimetrazione della zona rossa dello scorso agosto.
Oggi, 14 febbraio 2014, però, quella revisione è arrivata: il Presidente del Consiglio dei Ministri, Enrico Letta, ha firmato le modifiche al Piano di Emergenza Nazionale del Vesuvio.

Ecco il testo pubblicato sul website del Dipartimento di Protezione Civile (e questa è la direttiva sui nuovi gemellaggi vesuviani firmata dal Presidente del Consiglio alcuni giorni fa, in pdf):

Vesuvio: firmato aggiornamento piano emergenza
Definiti gemellaggi comuni zona rossa con Regioni

«Sono state firmate oggi dal Presidente del Consiglio dei Ministri le Disposizioni per l’aggiornamento della pianificazione di emergenza per il rischio vulcanico del Vesuvio.
Il documento, che ha ottenuto l’intesa della
Conferenza unificata lo scorso 6 febbraio, oltre a stabilire l’area da evacuare cautelativamente in caso di ripresa dell’attività eruttiva, definisce i gemellaggi tra i 25 Comuni che hanno aree ricadenti proprio nella cosiddetta zona rossa e le Regioni e Province Autonome che accoglierebbero nei loro territori la popolazione evacuata. Le aree da sottoporre ad evacuazione cautelativa sono, infatti, sia quelle soggette ad alta probabilità di invasione di flussi piroclastici (zona rossa 1) sia quelle soggette ad alta probabilità di crolli delle coperture degli edifici per importanti accumuli di materiale piroclastico (zona rossa 2).
In particolare, saranno i successivi protocolli d’intesa che Regioni e Province Autonome dovranno sottoscrivere con la Regione Campania e le amministrazioni comunali interessate – d’intesa con il Dipartimento della Protezione civile – a rendere effettivamente operativi i gemellaggi, prevedendo specifici piani per il trasferimento e l’accoglienza della popolazione da assistere.
Nel frattempo, entro 45 giorni da quando le
Disposizioni del Presidente del Consiglio verranno pubblicate in Gazzetta Ufficiale, il Capo del Dipartimento della Protezione civile – d’intesa con la Regione Campania e sentita nuovamente la Conferenza Unificata – dovrà fornire alle diverse componenti e strutture operative del Servizio Nazionale della Protezione Civile le indicazioni per l’aggiornamento delle rispettive pianificazioni di emergenza previste per lo specifico rischio vulcanico al Vesuvio, aggiornamento che dovrà compiersi entro i successivi quattro mesi.
La pianificazione nazionale nasce dal concorso delle pianificazioni di tutti i soggetti coinvolti, dalle istituzioni centrali e periferiche, alle organizzazioni di volontariato e alle società di servizi: l’obiettivo del piano di emergenza nazionale, infatti, è quello di assicurare la mobilitazione di tutte le componenti e strutture operative del Servizio Nazionale della Protezione Civile come un’unica organizzazione volta a portare soccorso e assistenza ai cittadini.
Infine, si riportano di seguito i gemellaggi tra i 25 Comuni della zona rossa e le Regioni e Province Autonome
».

Regione/Provincia Autonoma  –  Comune
Piemonte                                                             Portici
Valle d’Aosta                                                      Nola
Liguria                                                                   Cercola
Lombardia                                                           Torre del Greco
«                                                                               Somma Vesuviana
Province Autonome di
Trento e Bolzano                                              Pollena Trocchia
Veneto                                                                   San Giuseppe Vesuviano
«                                                                               Sant’Anastasia
«                                                                               Pomigliano d’Arco (enclave nel territorio di Sant’Anastasia)
Friuli Venezia Giulia                                        Palma Campania
Emilia Romagna                                                Ercolano
Toscana                                                                 San Giorgio a Cremano
Umbria                                                                   San Gennaro Vesuviano
Marche                                                                   Poggiomarino
Lazio                                                                        Ottaviano
«                                                                                Napoli (parte della circoscrizione di
«                                                                                Barra – Ponticelli – San Giovanni a Teduccio)
Abruzzo                                                                  Terzigno
Molise                                                                      Massa di Somma
Puglia                                                                       Torre Annunziata
«                                                                                 San Sebastiano del Vesuvio
Basilicata                                                                Boscotrecase
Calabria                                                                   Boscoreale
Sicilia                                                                        Scafati
«                                                                                  Trecase
Sardegna                                                                  Pompei

– – –

VESUVIO_gemellaggi_2014

Clicca sull’immagine per ingrandirla.

– – –

L’aggiornamento dei gemellaggi era necessario, tuttavia le problematiche da affrontare sono ancora molte. E’ urgente, infatti, rispondere a domande di tipo operativo. Ad esempio: come si raggiungeranno tali regioni? Per quali strade? Con quali mezzi? Partendo da dove? Con quali modalità/priorità verrà effettuata l’evacuazione? Quale destinazione precisa dovrà essere raggiunta? In loco, a chi ci si dovrà rivolgere? Le regioni ospitanti stanno organizzando l’accoglienza?

– – –

A proposito di ciò, l’assessore regionale alla Protezione civile della Regione Campania, Edoardo Cosenza, ha dichiarato:

«Con la definizione da parte del Governo della zona rossa del Vesuvio e dei gemellaggi,  si stabilisce una pietra miliare per il Piano di emergenza Rischio Vesuvio: i 700mila abitanti interessati (150mila in più rispetto al precedente Piano), in caso di necessità verrebbero trasferiti nelle Regioni gemellate, sostenuti dallo Stato» (QUI).

«Partirà ora il lavoro congiunto di Regione Campania, Dipartimento nazionale di Protezione civile e delle altre Regioni gemellate, per stabilire le modalità organizzative di dettaglio, di concerto con i Comuni interessati. Da mesi, la Regione, attraverso il Dipartimento per le Politiche territoriali, ha intrapreso le azioni per il coordinamento della mobilità dei cittadini, le modalità di evacuazione degli ospedali e di messa in sicurezza dei beni culturali, di concerto con il Mibac» (QUI). 

– – –

Un’ulteriore immagine con l’elenco dei gemellaggi è QUI.

Annunci

14 thoughts on “I nuovi gemellaggi dei comuni vesuviani

  1. Pingback: Gemellaggi fantasma | Paesaggi vulcanici

  2. Pingback: L’impreparazione all’emergenza è un prodotto storico | Paesaggi vulcanici

  3. Pingback: Emergenze ed evacuazioni | Paesaggi vulcanici

  4. Pingback: La nuova zona rossa vesuviana | Paesaggi vulcanici

  5. Pingback: Come accadrà, quando accadrà | Paesaggi vulcanici

  6. Pingback: Il rischio vulcanico (dal basso) | Paesaggi vulcanici

  7. Pingback: Exodus | Paesaggi vulcanici

  8. Sulla mia bacheca fb si è svolta un’interessante discussione in merito ai nuovi gemellaggi:

    AEE: Perfetto! Adesso bisognerebbe capire solo se saranno capaci di farci evacuare in tempo. Inoltre bisognerebbe risolvere anche e soprattutto il problema della vie di fuga.

    CT: Come ho altrove commentato, a me, me pare ‘na strunzata!

    AEE: Perché, CT?

    CT: Perché, come tu hai ben accennato, le vie di fuga praticamente non esistono, e anche se esistessero o fossero degne di questo nome nessuno le utilizzerebbe perché nessuno ci avvertirebbe e soprattutto non credo che esista una via di fuga tale da contenere tutta in una volta la moltitudine biblica di più di un milione di abitanti. Ma soprattutto, il precedente piano che tra l’altro prevedeva la migrazione dei sansebastianesi verso il Molise, non ha mai chiarito dove e come ci avrebbero spostato e accolto, tranne parole al vento e informazione supina.

    AEE: Ah beh, su questo non ci piove! Non oso immaginare cosa potrebbe succedere! Il panico totale…Nel mio caso, dovrebbero emigrare verso la Lombardia quasi 40.000 abitanti in brevissimo tempo. Autostrade intasate, mezzi pubblici stracolmi! E vogliamo parlare poi delle persone che, invece di evacuare secondo il piano assegnato alla propria città, decideranno di andare verso le case in montagna o a mare?

    CT: Concordo ma soprattutto, avendo a lungo trattato quest’argomento tutt’altro che definitivo, credo che qualsiasi piano d’evacuazione sia inutile, soprattutto in virtù del fatto che mentre lo si progetta la Città Vesuviana cambia e ovviamente in peggio, nel senso che si continua a costruire, in maniera abusiva e non (vedi l’ospedale del mare)
    Sono fermamente convinto che questi piani siano solo dei paraventi per chetare in maniera temporanea gli elettori. Non c’è nessuna intenzione di risolvere il problema, solo lo si vuole rinviare sperando che il cerino non rimanga in mano a loro
    .

    AEE: Si infatti. Il problema é che il Vesuvio, essendo un vulcano dormiglione e non sempre in continua attività, ha favorito la costruzione di edifici e la stabilita’ delle popolazioni. Diverso é il caso dell’Etna, dove invece la popolazione abituata alle eruzioni continue, ha costruito lontano dal vulcano e quindi in maniera logica. Poveri noi!

    CT: E anche lì, in Sicilia, non possono dormire sogni tranquilli, basta ricordare i problemi di Zafferana Etnea e mi limito solo a le problematiche più recenti. Qui da noi, purtroppo oltre alla natura del Vulcano va aggiunta la follia di non volerlo veder tale, negando le sue potenzialità di Vulcano attivo o facendo finta di non vederlo, una sorta di entità innominabile o invisibile, la pazzia sta nel fatto che dal dopoguerra in poi si è, in maniera ininterrotta, continuato a costruire creando un anello senza soluzione dio continuità attorno al Vesuvio.

    GG: Il gemellaggio ha senso se si pianifica tutto il resto e, soprattutto, se si istituisce un ufficio di costante monitorizzazione della fluida realtà vesuviana.
    Si dovrebbe cominciare col compiere esercitazioni serie, regolari e ovunque (mica solo a scuola perché tanto gli studenti non possono dissentire).
    Si dovrebbero fornire maschere antigas alla popolazione e informazioni di base per il primo soccorso.
    Si dovrebbero studiare e realizzare delle vie di fuga degne di questo nome.
    Si dovrebbe pianificare in che modo gli abitanti dovranno allontanarsi dall’area in seguito all’allarme.
    Si dovrebbe conoscere il numero di persone con particolari necessità (mediche, di cura, di strumentazioni) e, poi, il numero di famiglie, di anziani, di bambini.
    Si dovrebbero far venire in loco gli amministratori delle altre regioni e far loro rendere conto, ad esempio, di quanti bambini necessiteranno di scuole nel resto d’Italia.
    Si dovrebbe informare la popolazione e, soprattutto, costringere i comuni a realizzare piani di evacuazione e di protezione civile degni di questo nome. (Perché, tengo a sottolinearlo, il problema è nazionale, ma anche locale, con amministrazioni d’ogni colore che non si occupano minimamente della questione, timorose come sono di perdere consenso elettorale e introiti fiscali)
    .

    CT: Caro GG, concordo e sono sicuro che le cose da te scritte sono sensate e saranno utili per creare una popolazione più consapevole e preparata ma sono convinto che il disastro si è verificato nel momento in cui si è permesso che certe cose si facessero e che ora si fa finta di non conoscere negandone la paternità. Cercherò di essere realista ma il panorama, allo stato attuale è sinceramente sconfortante.

    GG: Senza dubbio, CT. Ma ora, nonostante non ci piaccia per niente, questa è la realtà con cui dobbiamo fare i conti. Ebbene, che conti facciamo?

    CT: Capisco il tuo realismo e lo faccio mio ma permettimi lo sconforto, visto che quotidianamente lo vivo in mezzo a questo mare di ipocrisia.

    GG: Si, CT, lo capisco, lo sento. E, ti dirò, lo vivo (una mia proposta in sede istituzionale l’ho presentata, sto aspettando una risposta… e continuo ad aspettare).

    CT: Magari me ne parlerai un giorno...

    MG: GG, se davvero fossero in grado di saper gestire tutte le situazioni che hai elencato nel tuo commento potrei iniziare a sostenere che sarebbe anche piacevole vivere da queste parti. per il resto il “piano” si commenta da solo...

  9. Pingback: Il racconto del Vesuvio sulla stampa degli ultimi giorni | Paesaggi vulcanici

  10. Un commento di MalKo sui nuovi gemellaggi vesuviani:

    “Rischio Vesuvio”, 23 febbraio 2014, QUI

    RISCHIO VESUVIO: FEBBRAIO 2014 PORTA GEMELLAGGI E FILM CON EFFETTI PLINIANI
    di MalKo

    Il governo Letta prima di chiudere i battenti ha firmato gli atti necessari per rendere operativi i gemellaggi tra i venticinque comuni della zona rossa Vesuvio con le Regioni italiane. In caso di necessità, infatti, i circa settecentomila abitanti del vesuviano dovranno essere ospitati dalle diciannove Regioni chiamate in causa da un atto di solidarietà che, probabilmente,dovrà essere foraggiato dallo Stato centrale.
    La novità, in effetti, consiste nella firma del decreto e non nei gemellaggi che sono una vecchia argomentazione operativa. Ricordiamo ad esempio che nel 2001 il comune di Portici concepì l’esercitazione di protezione civile (Vesuvio 2001) consistente in una simulazione di evacuazione a fronte appunto del rischio vulcanico.
    Si testarono in quell’occasione tutte le vie di allontanamento compreso quella ferroviaria e autostradale per raggiungere il comune di Bellaria, in Emilia Romagna. Infatti, era quella la Regione gemellata con Portici. Oggi hanno scelto il Piemonte: in tutti i casi l’associazione nazionale dei comuni (ANCI) ha chiesto di conoscere le logiche che hanno caratterizzato gli attuali abbinamenti comuni-regioni.
    L’esercitazione di Portici tenutasi nel 2001 fu molto formativa e interessante e ricca di aneddoti. Il treno che doveva arrivare alle nove nella stazione di Portici, arrivò con circa un’ora di ritardo perché a Torre Annunziata, luogo di sosta notturna del convoglio, all’ispezione mattutina furono scoperte un certo numero di persone senza fissa dimora che stanziavano nei vagoni. Costoro dormivano placidamente negli scompartimenti con tutte le loro cose sparpagliate in gran disordine sui sedili. Nella ridente cittadina di Bellaria poi, si costatò, e solo all’arrivo, che il treno era più lungo della banchina di stazione…
    Ritornando all’odierno, se gli allarmismi che si registrano in giro circa la possibilità di una prossima eruzione del Vesuvio sono frutto degli accordi sui gemellaggi appena sanciti, si risparmino pure ansie: l’argomento gemellaggi è decisamente vecchio e non è scaturito da allarme geologico. Per quanto riguarda il film Pompei, gustatevelo, soprattutto per il romantico finale senza lavorare di fantasia. Un accostamento lo si potrebbe fare tra film e realtà soprattutto per la parte politica relativa alla voglia di cemento
    Come successe con il terremoto dell’Aquila, occorre però, e ancora una volta ricordare, che una possibile eruzione non può essere predetta con largo anticipo (pena falsi allarmi) e neanche può essere esclusa. Gli esperti intanto prevedono di prevedere la risalita del fuoco astenosferico dal profondo in tempi comunque utili. Anche questa teoria o affermazione è un po’ vacua, perché per sostenere il concetto di tempo utile, è necessario conoscere prima i tempi d’evacuazione occorrenti ai settecentomila abitanti del vesuviano, soprattutto per darsela a gambe levate da quel misurato e affollato contesto territoriale litoraneo, stretto tra mare e monte e ricadente per intero nella zona nera Gurioli.
    Oggi, la nuova zona rossa, quella da evacuare all’occorrenza, comprende l’area sotto riportata: come si vede i soli comuni di Nola e Napoli e Pomigliano d’Arco hanno ricevuto uno “sconto” sulla quantità di territorio soggetto ad evacuazione preventiva completa.
    La nostra impressione è che ci sia sempre qualche piccola furberia che regola la prevenzione in area vesuviana. Ad esempio, il territorio di Poggiomarino alla fine è stato deciso che dovrà essere evacuato in toto in caso di allarme: le statistiche, come anche per Scafati, gli sono sfavorevoli per quanto riguarda la pioggia di piroclastiti (cenere e lapilli). Buona parte dello stesso territorio non è sottoposto però ai limiti previsti dalla legge regionale 21/2003, per intenderci, quella che non consente più di edificare in termini residenziali. In altre parole, Poggiomarino non ha limiti nell’edilizia pur permanendo in zona rossa. A dire il vero non si capisce un granché…qualcosa non quadra. Dovremmo chiedere lumi all’assessore regionale Professor Edoardo Cosenza o al Dipartimento della Protezione Civile che sembra abbia ratificato il tutto.
    La nostra teoria è che finché non si confeziona e si vara il piano di evacuazione della zona rossa Vesuvio, tutti i piani di fabbrica dovrebbero essere sospesi. Il baricentro dell’edilizia nel frattempo dovrebbe essere spostato sulle opere di pubblica utilità e sulle arterie stradali da farsi soprattutto in senso radiale al vulcano, senza narcotizzare la pubblica opinione con la sola strada statale 268 che non è per niente la risoluzione di tutti i problemi di viabilità evacuativa del vesuviano. Vorremmo poi capire quali sono i limiti dei 100 Km2 della zona blu: nessuno ne parla se non con propositi futuri. Eppure in questa zona gli scenari previsti avvertono che nella conca di Nola si debbano prevedere, soprattutto in seno ad eruzioni esplosive (portatrici d’acqua e di cenere impermeabilizzante), importanti fenomeni di alluvionamento. Durante l’eruzione del 1631 (EMA), infatti, i paesi di Marigliano e Cicciano furono sommersi da circa 2-3 metri d’acqua con fenomeni di dilagamento che cagionarono numerose vittime.
    Prima di mettere mano a qualsiasi decisione operativa, dovremmo incominciare a lavorare di prevenzione, senza macchiavellismi e tour comunali a cura della Regione Campania per assicurare ai sindaci e non solo a quelli, che tutto sommato qualche pietra si può ancora mettere. Che ipocrisia

  11. “Corso Italia News”, 19 marzo 2014, QUI

    ZONA ROSSA E RISCHIO VESUVIO. RINVIATA A VENERDI’ SEDUTA ALLA REGIONE
    La seduta è stata rinviata su richiesta di Forza Italia e del gruppo Caldoro presidente
    di Anna Chiara Favoloro

    Evitare inutili allarmismi è cosa buona ma istruire ed informare la popolazione circa il rischio Vesuvio è senz’altro ottimale. Ed era sulla scorta di ciò che il consiglio regionale aveva indetto una seduta per ieri mattina, incontro – occasione nel quale sarebbe dovuto essere stato approvato il piano paesaggistico. Tuttavia, sebbene le buone intenzioni, il meeting ha subito uno slittamento alla giornata di venerdì, su richiesta di Forza Italia e del gruppo Caldoro presidente.
    Sembrerebbe che la motivazione sia il consentire all’ufficio legislativo di verificare il migliaia di emendamenti presentati dal centrosinistra ma non è da escludersi l’assenza di un accordo, per il quale risulterebbe inutile andare in aula. Un accordo che, peraltro, fa fatica a venire, sia nella maggioranza, ancora in difficoltà per la frattura Forza Italia – Forza Campania, sia tra maggioranza ed opposizione, laddove il centrosinistra procede imperterrito con il suo ostruzionismo
    .

  12. Pingback: La perimetrazione del rischio è una negoziazione | Paesaggi vulcanici

  13. Pingback: La doppia illusione della nuova zona rossa vesuviana | Paesaggi vulcanici

  14. Pingback: Il National Geographic e il Vesuvio | Paesaggi vulcanici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...