3 thoughts on “Il Vesuvio allo stadio

  1. Su YouTube sono presenti vari video di questo momento. Tra gli altri, il commentatore sportivo Carlo Alvino ha pubblicato sul suo profilo FB questo stesso filmato, ricevendo migliaia di “like” (2800) e di condivisioni (9898). I commenti, in questo momento, sono oltre 600. Ne copio alcuni:

    Raffaele Orfeo: Grande spettacolo!!!

    Assunta Scotto: solo i napoletani sanno fare queste cose stupendo

    Mara Esposito: la coreografia più bella..

    Alberto Perna: ke brividi stupendooooooo

    Enza Gargiulo: da brividi stupendo

    Giuseppe Dave Giordano: Da campano salernitano mi congratulo con voi ! Bella coreografia ! saluti ed in bocca a lupo

    Lucrezia Della Scala: ……………….SENZA PAROLE.

    Floriano Lamanna: spettacolo sempre i number 1

    Giovanni Pocho Capone: o ffrid guol! emozioni runbentino quarda l eruzione

    Giuseppina Testa: siamo forti non c’è niente da fare ciao rosi

    Lucrezia Della Scala: QUESTA E’ ARTE ! AHAHAHAH…il tifo piu’ bello del mondo!

    Nunzia Napoli: siamo unici al MONDO !<3

    Pasquale Sola: Sensazionale.

    Susy Pandemonio: strepitosoo

    Giovanni Clc Lupifelix: IMMENSI!!!!

    Rachele Manna: bellissimo molto suggestivo

    Onofrio Marchese del Grillo: pur essendo tifoso della roma mi sono emozionato GRANDE SPETTACOLO

    Mariarosaria D'Agostino: bellissimo….. grande Napoli… grandi napoletani!!!!

    Battista Gino Raviele: meraviglioso

    Flora Corrao: PERCHÉ IL VESUVIO È LA TERRA CHE AMIAMO DELL'ERUZIONE CE NE FREGHIAMO

    Davide Senese Brividi: ………… !!!!!!!!!!! Juventini di merda, ma voi ce l'avete una città così ??????

    Luigi Apollo: sn interista ma questa scenografia è bellissima

    Daniela Esposito: solo a NAPOLI si fanno grandi cose!

    Spagnoli Aldo: io stavo nell'ultima fila del vulcano

    Angelaa Sabrina Thedark: PECCATO DI SOLDI

    Marcello Rocco: …tu chiamale se vuoi Emozioniiiiiiiiiiiiiiiiiiiii :')

    Tony Sylvester Lombardi: C'ero!

    Edoardo Penna: nei libri di storia !!!grande Napoli

    Lello Merolla: noi napoletani siamo i numeri 1 grande e immenso il popolo napoletano

    Enza Coppola: Ragazziiiiii i brividi qnd ho visto la "lava"!!!Bravissimiiiii…Sempre e solo Forza Napoliiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    Alessandro Ruggiero: Il freddo addosso !

    Isidoro De Rosa: la più grande coreografia della storia calcistica !!!!

    Maria Garenna: bellissimo, affascinante, qualunque sia il risultato, simm è meglio !!!

    Concetta Fusco: solo a Napoli si vedono queste cose meravigliose

    Mario Ocone: Lezione di tifo a tutte le altre tifoserie d'Italia !

    Daniele Bianco: stupenda affascinante magnifica nn bastano complimenti alla MITICA CURVA B

    Luca Saponaro: l'entusiasmo di bambino ritorna in questi momenti,emozionante!!!!!

    Francesca Fenderico: ma x questo siamo invidiati da tutti xche il napoletano o ten rindo o sango a tifoseria e fantasia di creare scene x il nostro napoli grande curva b.

    Francesco Ciakki Minutolo: devi vederlo a farlo com'è emozionante!

    Pasquale Piccirillo: siamo un tifo incredibileeeeeeeeeeeeee stupendooooooooo forza azzurrrrrrrri sempreeeeeeeeee

    Anna Bott: mi mangio le mani perche non posso vedere da vicino questo spettacolo meraviglioso della mia amata citta, anche se vivo al nord da molti anni il mio cuore e sempre bianco azzurro, forza Napoli.

    Caterina Castagna: io ho fatto un pezzo di cielo

    Gabriele Mazzeo: coreografia molto bella. Se giocaste come fate i coreografi vincereste lo scudetto. Purtroppo nel calcio conta chi gioca meglio a pallone e non chi accende meglio i fuochi…..

    Massimo Giordano: …gabriele ..i trofei si possono anche comprare …ma la fantasia ed il cuore..no..!!..

    Santo Napolioca Smedile: caro gabriele,purtroppo queste cose non puoi capirle ,sogni di avere una identita',di avere la nostra passione,di essere come noi,ma purtroppo non e' cosi'…….sei qui a fare commenti che non sono graditi !!!siete coglioni e frustrati!!!!avanti napoli

    Daniele Piccitto: amo la mia citta napoli sei unika juventino pezzo di merda

    Walter De Rosa: risposta di civilta' e nobilta' verso un tifo avversario che sa solo offendere e augurare disgrazie forza napoli

    Alessandro Terracciano: la coreografia più bella k io abbia mai visto al s.Paolo ed in Italia ! Avanti napoli!

    Giuseppe Piretto Francesco O'Meccanic Piretto: Alla faccia di chi offende Napoli e la sua gente

    Andrea Canti: coreografia da primi in classifica per onestà

    Antonio Caparco: O fridd nguoll

    Francesco Belvedere: solo questi tifosi, questa gente e capace di far rimanere a bocca aperta il mondo!!!!!siete unici

    Elisa Caturano: Ma dove lo si trova un' altro popolo cosi? non esiste

    Pucci Mastronardi: questa è arte!!!!!

    Massimo Migliorino: questa è ironia di classe!

    Tonia Affinito: é da pelle d'oca…..!!! quando vedo questi spettacoli mi ritorna sempre in mente quello che provai allo stadio l'anno del I scudetto Napoli- fiorentina ancora ho il suono delle trombe nella testa! che spettacolo ragazzi!

    Enzo Damiano: Solo a NAPOLI si fanno questae cose grandi ammirate a bocca aperta tifosi di tutto il mondo…………GRANDE NAPOLI…………….

    Umberto Quatraro: inkinatevi!

    Riki Puleo: grandissimi tutti i genoani sono con voi!

    Anna de Cola: sono stata allo stadio uno spettacolo credetemi una scenografia si e alzata la pelle d'oca che meraviglia non ho parole!!!! !!! il tifosi napoletani sono unici al mondo

    Angela Gallo: quanti più anni stai via da napoli….vivi più tranquilla…ma ti rendi conto che è il posto più caldo del mondo…con la gente più bella!

    Palumbo Ciro: Ne abbiamo di difetti,chi lo nega ma sim o popolo chiù bell ro munnn.

    Giorgio Petacca: grande risposta ai vari cori razzisti…!

    Umberto Cuorvo: bellissimo. siamo un grande popolo.

    Giuseppe Acunzo: volevano l'eruzione…l'hanno vista in diretta,gli abbiamo portato il vesuvio al san paolo…avete visto la bellezza che provoca il vesuvio in eruzione…gobbi ignoranti!!

    Genny Faenza: il calore del Vesuvio riscalda tutti i cuori partenopei,forza azzurri

    Rino D'Elia: purtroppo come al solito in tv hanno solo mandato le uova sul pulman della juve,questa no…per cui secondo il mio parere è sbagliato dire ci odiano…..è più giusto dire ci….INVIDIANO…!!!

    Gianni Pierro: bellissimo divulgatelo mostratelo a tutti i leghisti

    Ciro Schioppa: Quelli del nord non arriveranno mai a fare una cosa del genere. Perché ricordate ke per fare un terrone come noi ci vogliono 10 polentoni come loro. Parola di un NAPOLETANO al nord. W il Sud!

    Aldo Mastroianni: Italiani tutti (specialmente i veri sportivi ), inchinatevi tutti e riconoscete la grandezza di questo pubblico!!!!

    Tramparulo Clemente: LA MIA TERRA ke spettacolo

    Marino Raffaele: vedo questo spettacolo, questo amore, questo dare tutto se stessi, e mi incazzo perche' il popolo napoletano non verra' mai ricambiato da questo presidente egocentrico ed affarista……………….questi tifosi meritano una squadra di qualita'!!!!!!!!!

    Tommaso Amalfa: ma è bellissimo quante idee noi noi del sud

    Nàpule: quando i Napoletani si uniscono e fanno "gruppo" sono il popolo migliore al mondo… solo noi sappiamo essere così geniali ed eleganti dinanzi alle cattiverie più dure…..lo scenario della curva B in Napoli-Juventus 2013 lo rappresenta ed è sicuramente la cartolina più bella di un popolo che vuole riprendersi la propria Terra per difenderla e curarla. Io AMO NAPOLI e il Mio Popolo!<3

    Lucia Milo: ho le lacrime agli occhi…complimenti a chi lo ha realizzato,questa è la migliore e unica maniera che dobbiamo adottare in risposta a quanti sistematicamente ci offendono sui e fuori dai campi di calcio , l'intelligenza non ha bisogno di violenza per esprimersi,anzi…e come dicevano nel film"Totò un turco napoletano" :Sorgete, ammirate, voi l'avete visto?Certamente che l'hanno visto!

    Rosario Scotti Di Carlo: la mia citazione preferita è: PATATE'. QUANNE MORE, SI ME FAJE RINASCERE. FAMME NASCERE NAPULITANE, PECCHE SINNO' ME FAJE MURI' E COLLERA…. ( DIO MIO QUANDO MUOIO SE MI FAI RINASCERE FAMMI NASCERE NAPOLETANO ALTRIMENTI MUOIO PER IL DISPIACERE)

    Rosanna Aprile: ma si possono portare candelotti e altra roba incendiaria nello stadio?? O__o Comunque bellissima dimostrazione d'amore per la città

    Luca Achito: Identitá NAZIONALE Duo-Siciliana – W Napoli – W il SUD LIBERO

    D'angelo Carmela: se mettessimo lo stesso impegno in tutte le altre cose……..Napoli sarebbe ..molto piu' vivibile…..

    Giovanna Montella: solo per questo abbiamo gia vinto il nostro scudetto!

  2. La “Legione italiana” fu una brigata che combatté nella guerra civile uruguaiana negli anni ’40 dell’800; venne formata da Garibaldi con gli immigrati italiani di Montevideo, tutti volontari. La sua bandiera fu il Vesuvio in eruzione.

    «Hyde Park», 26 settembre 2013, QUI

    QUANDO IL VESUVIO ERUTTO’ NEL SUD DEL MONDO
    di Alessandro Bonvini

    C’è stata una volta, distante nel tempo e lontana dalle passioni, che il Vesuvio eruttò: ma lo fece dall’altra parte del mondo. Quella volta il suo scoppio non portò né lapilli, né cenere. La scintilla battagliera scoccò l’8 febbraio del 1846 tra le pianure del Salto in Uruguay. Il Vesuvio da quelle parti, come spesso accade in altri luoghi, lo avevano portato gli italiani. E quella volta gli italiani avevano deciso di porre il maestoso vulcano a simbolo della loro lotta. Allora il Vesuvio comparve su un fondo nero, mentre sputava lava rossa di fuoco al centro di una bandiera emblema di quella che si sarebbe chiamata la Legione Italiana.
    In quegli anni di formidabili passioni, l’Italia era terra di divisione e repressioni piegate da monarchi e diplomazie conservatrici. Napoli, strabordante capitale del Regno, soffriva delle sue ataviche storture, tra il parassitismo della corte e l’arrangiarsi dello sterminato sottoproletariato. Un ribollire di vicoli e miseria, custoditi appunto dall’immaginifico vulcano.
    Altra epoca apparivano i tempi in cui non solo il Vesuvio, ma la città, o meglio una parte di essa, aveva eruttato contro i signori della corona in nome della libertà. In quell’Italia però, le formidabili passioni che si azzardavano a immaginare una terra unita e democraticamente governata, erano soffocate dalla violenza dei monarchi dell’epoca. Così la fuga restava per alcuni l’ultimo appiglio valido per vivere e per sperare nella libertà dei popoli, in quello che all’epoca era un ideale romantico. Terra di impavidi naviganti e di porti ribelli, tra il 1820 e il 1848 la nostra Penisola vide partire clandestinamente migliaia dei suoi giovani migliori, e tra questi non pochi scelsero l’America del sud. Da quei lidi così lontani continuarono a lottare per quella patria che non c’era e la libertà ancora tutta da conquistare. Nella primavera del 1843, per sostenere le truppe di Rivera contro il tiranno Oribe, centinaia di italiani con la camicia rossa decisero di seguire il colonnello Giuseppe Garibaldi e con lui di lottare per difendere il paese sud americano dall’oscurantismo assolutista, sventolando la bandiera col Vesuvio al centro.
    La Legione e i suoi uomini divennero subito epopea, e quella della difesa di Montevideo si fece presto storia di sangue e di battaglie: «una nuova Troia», come descritta da Dumas, in pericolo e da proteggere come un fortino.
    Il volontarismo politico e militare di quelle azioni fu il risvolto di imperturbabili passioni: «non cambierò la mia condizione di legionario per tutto l’oro del mondo!» aveva promesso il colonnello ai suoi uomini. L’8 febbraio 1846, un manipolo di italiani guidati da Giuseppe Garibaldi diede prova di intrepido coraggio. Impreparati al contrattacco e colti di sorpresa da quasi mille uomini dell’esercito avversario, al possibile sbaraglio dello sfondamento, opposero una tenace resistenza difendendo con successo le vie d’accesso alla città di Montevideo. La battaglia diede così lustro a Garibaldi e alla legione italiana raccolta sotto il simbolo del dirompente e mai lontano Vesuvio.
    “Non si nasce invano ai piedi di un vulcano” diceva Jorge Pilar… La terra forgiata dal fuoco è tempra dell’incandescente elemento, e come lui non può essere oppressa e imbrigliata da alcuna mano. Proprio come la libertà
    !

    – – – – –

    Altre informazioni sono su Wikipedia.

  3. “La Gazzetta dello Sport”, 19 gennaio 2014, QUI

    BOLOGNA-NAPOLI, CORI RAZZISTI: “VESUVIO, LAVALI COL FUOCO”
    Al Dall’Ara ancora i soliti cori e striscioni beceri contro i tifosi napoletani. La curva bolognese adesso è a rischio chiusura, e la vergogna razzismo negli stadi italiani continua
    di Redazione

    “Vesuvio lavali col fuoco…”. È questo il coro partito dalla curva del Bologna circa una mezz’ora prima del calcio d’inizio della partita del Dall’Ara tra il Bologna e il Napoli. E il vulcano è stato chiamato in causa anche da uno striscione: “Sarà un piacere quando il Vesuvio farà il suo dovere”. Da censura.
    TUTTO ROVINATO — Il coro è stato poi ripetuto anche durante il riscaldamento, nonostante il bel clima creatosi alla vigilia con la musica di “Caruso” di Lucio Dalla amplificata dagli altoparlanti dello stadio: era stato Gianni Morandi il promotore dell’idea, evidentemente non condivisa da alcuni ultrà rossoblù che hanno intonato il coro proprio durante la canzone di Dalla. Il clima è stato dunque rovinato dalla solita vergogna che ormai da tempo accoglie i tifosi napoletani in trasferta in molte città italiane. Da segnalare che al Dall’Ara erano presenti almeno settemila sostenitori azzurri. A questo punto la curva del Bologna è a rischio chiusura
    .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...