Il Vesuvio televisivo

Stamattina cercavo una citazione sul web (l’indimenticabile “L’eruzione del Vesuvio? Mi è mancata solo quella, ma non sarebbe una grande disgrazia“, dell’eroico Guido Bertolaso: qui) e in qualche modo mi sono imbattuto in una pagina dell’Archivio Rai su una puntata di “Sciuscià” dedicata al rischio vesuviano: “Vivi per miracolo”, andata in onda il 20 aprile 2000 e, in replica, il 31 agosto 2000. Purtroppo non è disponibile lo streaming, ma solo la descrizione della puntata:

“Vivi per miracolo è il titolo del quinto appuntamento di Sciuscià, il programma di Michele Santoro. Sono pazzi questi vesuviani? Quale follia li spinge a continuare a costruire le loro case sulle pendici di un vulcano che, dicono gli esperti, potrebbe esplodere in qualsiasi momento? Gli scienziati cercano di leggere i segni premonitori di una eruzione che, a differenza di quella del 1944 quando il Vesuvio era pochissimo abitato, investirebbe oggi 700 mila persone. La protezione civile tenta di sperimentare piani di evacuazione che nella realtà sarebbero di ben difficile attuazione. Ma loro, i protagonisti, da SSV a MdS, rispondono che non se ne andrebbero per tutto l’oro del mondo. E anzi costruiscono ancora case – nonostante il parco – sempre più su, sempre più vicino al cratere. Perché non sanno dove andare, per un misto di fatalismo e ignoranza, ma anche perché l’abusivismo è un affare che non si può mollare. E all’ombra del Vesuvio l’illegalità è ancora l’industria più florida. La camorra che dà lavoro per costruire l’enorme distesa di cemento è la stessa che recluta giovani per lo spaccio di droga e detta legge nei quartieri di Ercolano, mentre un patrimonio culturale ed ambientale unico al mondo non riesce a imporsi come una ricchezza di tutti. Il reportage è di Francesca Cersosimo e Paolo Mondani, le riprese di Peppe Ronca e Massimo Gabrielli, il montaggio è curato da Paolo Carpineta“.

A questo punto, preso dalla curiosità, ho cercato direttamente nell’Archivio Rai attraverso la parola-chiave “Vesuvio”. Ecco i link ai video disponibili, organizzati per temi e cronologicamente:

.
VULCANOLOGIA e RISCHIO VESUVIANO

Trasmissione: GEO&GEO
Puntata/Servizio: VESUVIO
Autore/Autrice: Felice Farina
Data: 18-03-2010
Durata: 20’30”
Descrizione: La montagna, il simbolo di Napoli e dell’intera Campania: un luogo storico e magico che l’uomo teme e rispetta.

Trasmissione: NEAPOLIS
Puntata/Servizio: VESUVIO VIRTUALE
Autore/Autrice: Antonella Fracchiolla
Data: 16-04-2010
Durata: 02’56”
Descrizione: Mostra “Pompei e il Vesuvio: scienza, conoscenza ed esperienza” allestita nell’area archeologica di Pompei [dal 30 marzo al 1° agosto 2010: qui], in collaborazione con il corso di laurea in “Attività di protezione civile” di Foligno [qui].

Trasmissione: TG3
Puntata/Servizio: SARÀ COSTRUITO VICINO AL VESUVIO IL PIÙ GRANDE OSPEDALE DEL SUD
Autore/Autrice: Fabrizio Feo
Data: 21-04-2010
Durata: 01’23”
Descrizione: Preoccupazioni intorno all’edificazione di un enorme ospedale nella zona est di Napoli, a pochi metri dalla “zona rossa”. [Il costruttore: Astaldi].

Trasmissione: AGORA’
Puntata/Servizio: LE TRAPPOLE DEL VESUVIO
Autore/Autrice: Federico Ruffo
Data: 29-10-2010
Durata: 28’56”
Descrizione: L’inviato Federico Ruffo nel suo reportage ha raccontato la vita degli abitanti della zona del Vesuvio e dei pericoli che corrono, in case spesso abusive e costruite in zone a rischio in caso di eruzione. Rischio di cui i cittadini non sono coscienti tanto da non conoscere nemmeno il piano di evacuazione. Né loro né i Sindaci dei Comuni coinvolti, che continuano a non fare nulla per combattere l’abusivismo nella zone più a rischio. Per non parlare delle carenze della Protezione civile, che ha rifiutato l’invito in trasmissione. In studio hanno dibattuto del problema il professor Giulio Zuccaro, direttore del Centro Studi Plinius che studia l’impatto di fenomeni naturali come terremoti ed eruzioni sull’uomo e sull’ambiente urbano, Clemente Mastella, europarlamentare Pdl e Segretario dei Popolari per il Sud e Angelo Bonelli, presidente della Federazione dei Verdi.

Trasmissione: RADIO 3 SCIENZA
Puntata/Servizio: IL GIGANTE ADDORMENTATO
Autore/Autrice: Vari
Data: 17-05-2011
Durata: 27’00” ca.
Descrizione: Per ora continua a fare da sfondo alle cartoline del golfo di Napoli. Ma un giorno il Vesuvio potrebbe ridestarsi, e nessuno sa quanto brusco sarà il risveglio. Interviste a due vulcanologi: Giuseppe Mastrolorenzo e Warner Marzocchi.

.
IMMONDIZIA e DISCARICHE

Trasmissione: TG3
Puntata/Servizio: TENSIONI NEL NAPOLETANO TRA COMITATI ANTI-DISCARICHE E POLIZIA
Autore/Autrice: Francesca Ghidini
Data: 05-06-2010
Durata: 01’15”
Descrizione: Tornano le tensioni nel napoletano tra comitati anti-discariche e polizia. Dopo gli scontri della notte scorsa tra manifestanti e forze dell’ordine a Terzigno – nel parco del Vesuvio – la tensione è ancora alta.

Trasmissione: TG3
Puntata/Servizio: UNA DISCARICA NEL PARCO DEL VESUVIO
Autore/Autrice: Giusy Sansone
Data: 26-07-2010
Durata: 01’34”
Descrizione: Inchiesta del Tg3 in una delle Riserve Naturali più importanti e più compromesse d’Italia. Nella zona protetta del Parco del Vesuvio una discarica mette a rischio i raccolti di centinaia di agricoltori e i residenti sono costretti a convivere con la puzza e i disagi.

Trasmissione: TG1
Puntata/Servizio: TERZIGNO, EMERGENZA RIFIUTI
Autore/Autrice: Francesca Ghidini
Data: 25-09-2010
Durata: 01’22”
Descrizione: Alcuni cittadini hanno fermato due mezzi compattatori che stavano uscendo dalla discarica, tra Via Panoramica e Via Zabatta, e li hanno dati alle fiamme. A Terzigno, che si trova alle falde del Vesuvio, sorge infatti una delle discariche più grandi della provincia napoletana. La protesta è contro la seconda discarica nel parco del Vesuvio. Cumuli di rifiuti anche a Napoli dove il questore ha annunciato che i mezzi usciranno scortati.

Trasmissione: TV7
Puntata/Servizio: IL PARCO DELLA “MONNEZZA”
Autore/Autrice: Alessandro Gaeta
Data: 04-10-2010
Durata: 07’15” (da: 01’30” a: 8’45”)
Descrizione: L’emergenza rifiuti a Napoli: nel servizio degli inviati di Tv7 il racconto di una notte di rabbia e disperazione degli abitanti di Terzino e Boscoreale, nuovo fulcro della protesta, contro una vecchia e una nuova discarica nel Parco del Vesuvio.

Trasmissione: TG3
Puntata/Servizio: FUOCHI E BARRICATE CONTRO LA DISCARICA
Autore/Autrice: Romolo Sticchi
Data: 18-10-2010
Durata: 01’28”
Descrizione: A Terzigno barricate e scontri tra polizia e manifestanti contro l’apertura della seconda discarica nel parco del Vesuvio.

Trasmissione: TG3
Puntata/Servizio: LA RIVOLTA NON SI FERMA
Autore/Autrice: Romolo Sticchi (con Carlo Ruggiero)
Data: 12-12-2010
Durata: 01’27”
Descrizione: Non si ferma la rivolta degli abitanti del Parco del Vesuvio contro rifiuti e discariche. Nella notte nuove tensioni con la polizia a Terzigno. Intanto le strade di Napoli sono ancora piene di immondizia.

.
LEGALITA’ e ANTICAMORRA

Trasmissione: TG2 STORIE – RACCONTI DELLA SETTIMANA
Puntata/Servizio: CENTO PASSI DAL VESUVIO
Autore/Autrice: Gabriele Lo Bello
Data: 21-11-2010
Durata: 12’20” (da: 01’30” a: 13’50”)
Descrizione: Nella settimana in cui si festeggia la cattura del boss dei Casalesi, Antonio Iovine, Tg2 Storie vi racconta l’avventura di tre emittenti anti-clan: Radio Siani ad Ercolano, Radio Onda Pazza -dedicata a Peppino Impastato- a San Giovanni a Teduccio e la giovane Radio Sca, appena nata a Scampia.

.
PS: beh, direi che per ora manca solo il link allo sceneggiato “L’ombra nera del Vesuvio”.
PPS: e chissà cosa riservano le Teche Rai!

– – – – –

AGGIORNAMENTO (del 19 settembre 2013):
Nel giugno 2013 «Radio 3» ha dedicato quattro trasmissioni intitolate “L’impensabile. La prossima eruzione del Vesuvio“, a cura di Fosco D’Amelio, riascoltabili in podcast: uno, due , tre e quattro. (Anche tra i commenti: QUI).

Annunci

6 thoughts on “Il Vesuvio televisivo

  1. Qualche sera fa la Rai ha trasmesso un servizio dedicato al Vesuvio all’interno della rubrica giornalistica TV7. Il filmato, realizzato da Alessandro Gaeta, è disponibile su YouTube ed è molto interessante. Si intitola “Monnezza sotto il vulcano” (12’41”). Lo ha postato lo stesso Gaeta, presentandolo sul suo blog con queste parole:

    Questo nuovo viaggio nel Parco del Vesuvio affogato dai rifiuti mi ha permesso di mettere meglio a fuoco la protesta degli abitanti di Terzigno e Boscoreale di nuovo sotto accusa per non aver voluto l’apertura di una nuova discarica nel cuore di questa riserva naturale meta, ogni anno, di ottocentomila turisti da tutto il mondo. Una delle tante decisioni folli all’italiana che rischia di far fare a questo polmone verde così ricco di storia un passo indietro di oltre quindici anni. E mentre la camorra continua a guadagnare sul disordine organizzativo e sulla filosofia di discariche e termovalorizzatori che puntualmente entra in crisi, sui cittadini che protestano pesa anche l’accusa di essere malati della “sindrome Nimby” (not in my backyard, non nel mio giardino) come se riempire di immondizia una riserva naturale sia una cosa normale e rispetto alla quale la popolazione che ci vive attorno non avrebbe, secondo alcuni, nemmeno il diritto di parlare . Realizzato per Tv7 (Raiuno) dal 5 al 7 luglio 2011 (proprietà Rai)

    (Grazie a FrancoM)

    ————

    Tra le testimonianze raccolte dal servizio, segnalo la seguente:

    Ma io nun aggio capito, ma nuje pe’ quant’anni dobbiamo morire dint’a ‘sta spazzatura? Io tenevo 18 anni, ne tengo 72 e vengono ancora a scaricare ‘a spazzatura ccà ‘ngopp’. (al netto: 54 anni) (al minuto 2’20”)

  2. «Radio 3», giugno 2013, QUI

    L’IMPENSABILE. LA PROSSIMA ERUZIONE DEL VESUVIO
    di Fosco D’Amelio

    L’unicità del Vesuvio non è nell’aver lasciato conservate le meraviglie di Pompei, non è nell’essere quinta perfetta per cartoline del Golfo di Napoli, non è soprattutto nell’essere un vulcano attivo. L’unicità è nella quantità di persone a rischio in caso di una sua eruzione.
    Il progetto dell’audiodocumentario
    L’Impensabile nasce molti anni fa, con l’intenzione di raccontare come la zona vesuviana sia arrivata al punto in cui si trova oggi, qual è lo stato dell’arte del tanto discusso Piano di Emergenza per il Vesuvio, quali sono le ipotesi sugli scenari eruttivi prodotte dagli esperti del campo. Ma anche qual è il livello di percezione del rischio della gente dei paesi vesuviani, degli amministratori locali, delle persone che vivono ai piedi di un vulcano che ha eruttato l’ultima volta nel 1944. Argomenti che una volta ogni tanto tornano alla luce nella loro estrema confusione e complessità.
    Il Vesuvio è il vulcano più monitorato al mondo, ma il semplice controllo della situazione, considerando le circa 600mila persone esposte al pericolo, non è sufficiente. Progetti di decompressione urbana all’avanguardia si scontrano con una gestione del territorio sempre precaria e al limite della legalità. Innovativi piani di emergenza restano fogli di carta ignorati dalla popolazione che dovrebbe essere informata e dovrebbe poter svolgere esercitazioni al fine di preparare tutti al peggio.
    Il peggio è così lontano, immenso e assurdo da essere impensabile per tutti. E proprio per questo motivo, l’ultima puntata ha la forma del mockumentary: interviste, notizie, racconti dalla prossima eruzione del Vesuvio, raccolti dopo l’evento catastrofico che un giorno, che sia domani o tra 100 anni, probabilmente arriverà.
    Alle voci di oggi di responsabili della Protezione Civile, dell’Osservatorio Vesuviano, dell’INGV, urbanisti, magistrati, sindaci dell’area e persone che vivono nell’area a rischio, si aggiungono quelle di Michelangelo Dalisi e Nunzia Schiano, e di programmi di Radio3 raccolti da un podcast del domani
    .

    Le puntate in podcast:

    1) L’Impensabile – 10/06/2013
    2) L’Impensabile – 11/06/2013
    3) L’Impensabile – 12/06/2013
    4) L’Impensabile – 14/06/2013

  3. Pingback: Come accadrà, quando accadrà | Paesaggi vulcanici

  4. “Il Fatto Vesuviano”, 3 dicembre 2013, QUI

    IL RISCHIO VESUVIO APPRODA IN RAI, GLI ESPERTI ITALIANI: “NON CI SARA’ SCAMPO”
    di William Argento

    Il pericolo Vesuvio affrontato dalla televisione pubblica, che dopo i continui allarmi cerca di fare luce sulla complessa situazione attraverso un’inchiesta delle giornaliste napoletane Amalia De Simone e Simona Petricciuolo. Lo speciale verrà trasmesso da Rai Educational, diretta da Silvia Calandrelli, nel format “Crash – Contatto, impatto, convivenza”, un programma di Valeria Coiante, Marco Malvestio, Paolo Zagari e Andrea Zanini, che andrà in onda domani alle ore 21,15 su Rai Storia – canale 54 del digitale terrestre e canale 23 Tivù Sat e in replica mercoledì 11 dicembre alle 01 su Rai Tre.
    Il vulcanologo Giuseppe Mastrolorenzo, uno dei massimi studiosi del Vesuvio e della sua attività, ha lanciato l’allarme più di una volta: «Siamo su una bomba ad orologeria che non lascerà scampo». Ma perché esattamente il Vesuvio rappresenta un pericolo mortale per le popolazioni che vivono alle sue pendici? È un rischio legato esclusivamente ad un evento naturale oppure l’uomo ha peggiorato le cose? E ancora, da un lato il Vesuvio, dall’altro i Campi Flegrei: la zona potenzialmente più vicina a un’eruzione è incredibilmente priva di un piano di emergenza e di evacuazione. Ma cosa succederebbe a Napoli in caso di eruzione? Quali sarebbero gli effetti su cose e persone?
    Dalla centrale operativa della Protezione civile, Crash racconta l’organizzazione in caso di emergenza, mettendone in luce i punti di forza e le falle. Tra abusivismo diffuso, strade pericolose e vie sotto sequestro, evacuare i comuni della zona rossa sarebbe un’impresa in alcuni casi impossibile
    .

  5. Pingback: Crash, puntata dedicata al Vesuvio | Paesaggi vulcanici

  6. Pingback: Mario Tozzi e i duemila anni di Napoli con il Vesuvio | Paesaggi vulcanici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...